Yearly Archives: 2022

Le grandi mangiate di una volta_di Giampaolo Lallai

La cucina popolare sarda è, in prevalenza, di tipo primitivo non prevedendo intingoli o salse piccanti che sono, invece, tipici di altre culture gastronomiche. Questa semplicità tradizionale la colloca tra quelle così dette povere, ma allo stesso tempo tra le più apprezzate per gli inconfondibili sapori e l’arte che ne …

Approfondisci

A Natale in famiglia si ritorna alle origini_di Maria Armida Forteleoni

Il Natale rappresenta la più suggestiva tra le celebrazioni della religione cristiana, in quanto festa della Natività di Gesù. L’origine risale al IV secolo e la scelta del 25 dicembre non è casuale, visto che è correlata a un fenomeno naturale: passato ilsolstizio d’inverno, le notti cominciano ad accorciarsi e …

Approfondisci

Paschixedda e sa mesa casteddaia_di Giampaolo Lallai

Paschiscedda est una de is festasprus mannas de sa Cristianìa edoncas est connota in totu su mundu chi dd’abetat cun prexeri po un’annu interu.  Sa televisioni e is mass media ant cuncursu a ndi fai una festa chi parit sempri prus simbillanti in dogna logu de sa Terra, tant’est chi …

Approfondisci

Arte e cuore nello storico pane di Sardegna_di Michele Licheri

Negli ultimi trent’anni l’artigianato del pane potrebbe essere definito come un tratto distintivo dell’isola. Parte fondante della sua cultura. Messaggero di condivisioni e lievitatore di pace. Il pane condiviso è per l’amicizia e la fraternità: “Su pane a comune est pro s’amistade”. Ma la qualità? In generale è buona. Ci …

Approfondisci

Acqua, vino e olio d’oliva: tesori di Sardegna_di Antonio Maria Masia

Provengo dall’olio d’oliva che forse dopo tanti anni avevo come rimosso e dimenticato. Ho vissuto la mia infanzia e prima giovinezza a contatto diretto con questa preziosa materia, determinante nella storia e nella vita dell’uomo. Mio padre produceva, attraverso contratti di mezzadria, olio d’oliva e ha sempre, durante la sua …

Approfondisci

Su casu furriadu

Il «casu furriàdu» è un cibo a base di formaggio in prevalenza pecorino, tipico del mondo agro-pastorale, esclusivamente nulese, a quanto risulta, le cui origini affondano nella notte dei tempi. Alla base c’è il formaggio fresco di 3-5 giorni, non salato e lasciato inacidire, (“imbischidàre”). Viene quindi tagliato a fette …

Approfondisci

La ricetta contro gli imbrogli della spesa_di Michele Licheri

La ricetta proposta soddisferà il palato e le necessità caloriche di quattro persone e potrà essere considerato un pasto completo. Carboidrati, proteine nobili e grassi, oltre che vitamine e sali minerali sono in giusto equilibrio. La qualità degli ingredienti farà la differenza. Certo! Volete mettere la potenza vitale di un …

Approfondisci

Viaggio in Barbagia_ di Leo Fancello

Dorgali. In Sardegna, una terra già antica per gli antichi, esiste un’isola nell’isola: è la Barbagia, dove sopravvivono tradizioni e culture che affondano le proprie radici nei secoli. Lo si può percepire dalla lingua, dagli antichi toponimi, dal cibo, dai costumi, dalle feste, dalla stessa economia ancora prevalentemente agro-pastorale.  Solamente …

Approfondisci

Dal Ghirighine e Barigadu, tra paesi e cibi incontaminati_di Sara Fadda

A Ruinas, piccolo centro della Marmilla, venne ritrovata l’unica statua menhir, scolpita in un unico blocco e alta ben 3 metri, culminante con due protuberanze laterali che evocano delle corna un tempo imponenti. Vanta, inoltre, la presenza di una domus de janas con decorazione a rilievo, in località agricola di …

Approfondisci

Paese per paese, i piatti tipici: A Ittiri l’agnello in umido_di Gian Mario Cossu

Ittiri. Scegliere il piatto tradizionale di una città o paese alcune volte è un’operazione semplice ma in alcuni casi si rivela estremamente difficile: vuoi perché ci sono tanti piatti tipici o perché rappresenta un’area più vasta del paese in oggetto è potrebbe subire rivendicazioni campanilistiche. Nel caso di Ittiri, ad …

Approfondisci