Anna Tifu: sono golosa e il cibo sardo è musica_di Luca Neri

Hai spiccato il volo dalla Sardegna presto: cosa significa il cibo dell’isola a kilometri di distanza?

Vista la mia golosità significa desiderare di tornare il più presto possibile!

Cerco sempre di portare qualche prodotto sardo con me: ad esempio adoro la bottarga di muggine! 

Macchina del tempo: cibo e sapori di una volta. Ci racconti quel piatto e quella tavolata di una volta?

Ci sono state tante tavolate: ricordo in particolare le pietanze di un agriturismo, in Sardegna, dove fui ospitata in occasione di un recital.

Cucina casalinga con prodotti esclusivamente di loro produzione, una squisitezza. A ciò aggiungiamo il sole e la compagnia.

Non nascondo che uno degli aspetti che amo di più del mio lavoro è la cena dopo concerto! 

Una professionista come te, spesso in viaggio, quanto tempo e che modo ha di dedicarsi ai fornelli? Con quali risultati?

Qui sono veloce: non so cucinare! Mi manca anche la voglia oltre al tempo, ma essendo una buonissima forchetta vorrei imparare presto!

C’è qualche prodotto della nostra terra a cui proprio non puoi rinunciare? 

Senza ombra di dubbio la bottarga, come ho detto prima, e le ricotte appena fatte, fresche fresche.

Quanto influiscono le tue origini romene nella tua alimentazione? Ci sono dei punti d’unione con la nostra cucina?

Almeno una-due volte all’anno mi reco in Romania dove la cucina, a parte le ottime carni simili alle nostre, è completamente differente, ma ottima: diciamo che quella italiana è la più varia che io conosca. In Romania, al posto dei nostri primi piatti, ci sono delle buonissime “ciorbe” ( minestre).

Il piatto preferito, quello che solleva l’umore dopo una giornata pesante.

Ne ho diversi, adoro gli spaghetti alle arselle e bottarga, ma per tirarmi su non so dire di no ad una crepe con la nutella!

Quale cibo ritieni fondamentale per una sana alimentazione?

Tanta frutta e verdura: io stessa dovrei ricordarmi di mangiarne più spesso!

Sei stata sicuramente a cena con “personaggi di spicco”. C’è un evento o un’occasione che ricordi in modo particolare?

Sì, tra tanti “personaggi di spicco” che mi è capitato d’incontrare ricordo un’occasione in particolare in cui Sgarbi dava della capra alla malcapitata di turno!

©Sardegnatavola

Vedi anche

Emigrati sardi a Roma: tra musica, letture e cibo sardo_ di Marcello Soro

Era inevitabile questa comunione tra conterranei della grande Associazione dei Sardi di Roma e gli …