Su Coru de Amori_di Elisabeth Wibel

Ravioli monoporzione realizzati per rendere speciale e romantica la cena a lume di candela, una serata perfetta all’insegna dell’amore.

                      (per cinque persone)

                  Ingredienti per l’impasto:

  • 300 g. semola di grano duro, selezione “Trigu de Oro” Sardo Sole
  • 100 ml. estratto e succo di rapa rossa
  • 35 ml. acqua a temperatura ambiente
  • un pizzico di sale

Ingredienti per la farcia e della crema:

  • 400 g formaggio stagionato caprino
  • 150 g melanzane lunga violetta
  • 150 g patate
  • q.b. pangrattato abbrustolito e tostato
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 400 ml. panna fresca da cucina a lunga conservazione
  • 1 spicchio d’aglio
  • q.b. prezzemolo fresco
  • q.b. sale

procedimento: iniziamo dall’ impasto per la pasta fresca. Abbiamo bisogno di due colori, il colore in purezza della semola e il colore porpora rilasciato dal succo della rapa rossa,  quindi di due impasti che prepariamo separatamente. Nella prima ciotola aggiungiamo l’estratto della barbabietola rossa e un pizzico di sale, nella seconda ciotola l’acqua ed un pizzico di sale. Iniziamo ad amalgamare tutti gli ingredienti fra loro all’interno delle due ciotole e successivamente lavoriamo gli impasto sul piano di lavoro per circa dieci minuti fino ad ottenerli  belli, lisci, omogenei ed elastici. A questo punto gli impasti hanno bisogno di riposo, mettiamoli all’interno di  due contenitori  chiusi e conservati in un posto fresco e asciutto per almeno una mezzoretta. Laviamo sotto un getto si acqua corrente le patate e le melanzane, tagliamole a metà per il lungo e incidiamo la polpa con tagli diagonali, prima in un senso e poi nell’altro, così anche per le patate senza sbucciarle. Prendiamo una pirofila, versiamoci un filo di olio extravergine di oliva, adagiamoci da una parte le melanzane e dall’altra le patate, prepariamo un trito con prezzemolo e aglio, tagliati grossolanamente, olio extravergine di oliva, versiamo tutto nel bicchiere del mix e frulliamo. Distribuiamo questo condimento sulle melanzane e sulle patate, un altro filo di olio extravergine di oliva, saliamo e inforniamo, modalità ventilato a 200° per  20/30 minuti, togliamo le melanzane e se le patate non sono belle dorate lasciamole ancora per una decina di minuti. Prendiamo una ciotola preferibilmente di vetro, mettiamo al suo interno il formaggio caprino ( io ho scelto un formaggio che avesse una stagionatura di almeno 40 giorni, dal gusto deciso e persistente) grattugiato grossolanamente, le patate passate con un passapatate e la polpa delle melanzane tolta con un cucchiaio, se serve aggiungiamo un filo di olio extravergine di oliva, il pane grattugiato, abbrustolito e tostato in forno. Amalgamiamo il tutto, chiudiamo con della pellicola trasparente e lasciamo riposare per insaporirsi.  Nel frattempo prepariamo le sfoglie sottili e stendiamole sul piano di lavoro, mettiamoci sopra un cucchiaio di ripieno per ogni raviolo, modelliamolo leggermente dandogli la parvenza di un cuore, adagiamoci una sfoglia per la chiusura, facciamo aderire bene i lembi facendo attenzione a far uscire tutta l’aria in eccesso. Con uno stampino a forma di cuore coppiamo le sfoglie di pasta fresca, decoriamo con un dei cuoricini bianchi e smerliamo, ecco, ora sono pronti. In un pentolino versiamo la panna da cucina fresca e una spolverata di formaggio caprino e un cucchiaio di melanzane, frulliamo tutto efacendo inglobare più aria possibile e renderla il più cremosa possibile. Versiamo abbondante acqua fredda in una pentola a bordo alto e mettiamo sul fuoco, appena inizia il bollore saliamo, versiamo i ravioli solo quando l’acqua ha raggiunto la massima temperatura. Appena salgono in superfice lasciamo cuocere per uno massimo due minuti, scoliamo, impiattiamo immediatamente sopra alla delicatissima crema calda e fumante, una spolverata di prezzemolo essicato, serviamo, buon appetito.

Vedi anche

Paschixedda_di Elisabeth Wibel

Ho realizzato con la pasta fresca artigianale una delle più diffuse usanze natalizie, l’albero di …