Tilicheddas_di Elisabeth Wibel

Le Tiliccas sono dei dolci sardi tradizionali tipici della Gallura e del Logudoro. Ho voluto darle un tocco di innovazione con la pasta fresca artigianale, nascono così i ravioli ripieni al formaggio. Suggerisco di creare questa pasta ripiena per delle occasioni importanti quali, matrimoni ed anniversari. Una delle tante ricette pubblicate su libro “La Pasta Fresca Artigianale New Style, tradizione e innovazione di Elisabeth Wibel, casa editrice GIA Giorgio Ariu Editore.

                  (per cinque persone)

                      Ingredienti per l’impasto:

  • 250 g farina di grano duro selezione “Trigu de Oro” Filiera Sardo Sole
  • 35 ml. acqua a temperatura ambiente
  • 80 ml. succo di barbabietola rossa
  • q.b. sale fino

                              Ingredienti per il ripieno e per il condimento:

  • 200 g formaggio pecorino Bio semi stagionato “Campizzolu”
  • 200 g formaggio fresco dolce sardo
  • 200 g gorgonzola dolce
  • q.b. fibre di barbabietola rossa
  • 200 ml. panna fresca
  • 300 g gorgonzola e pecorino
  • q.b. petali croccanti essiccati di barbabietola rossa
  • q.b. sale e pepe

Procedimento:   Grattugiamo i formaggi grossolanamente e mettiamoli dentro una ciotola in vetro, il gorgonzola a pezzettini, le fibre della barbabietola rossa e amalgamiamo bene tutti gli ingredienti. (Le fibre della barbabietola le recuperiamo dopo aver estratto il succo con l’estrattore per il colore). Prepariamo l’impasto creando con i colori scelti una sfoglia bicolore ricamata per realizzare i ravioli. Prepariamo anche il condimento, in una padella versiamo un po’ di panna fresca, accendiamo il fuoco, appena sfiora il bollore aggiungiamo il gorgonzola tagliato a cubetti, facciamo sciogliere bene con la panna per pochi minuti, il pecorino e un cucchiaio di fibre di barbabietola. Per rendere più fluido il composto possiamo aggiungere del latte scremato, mescoliamo bene e mettiamo da parte. Organizziamo l’impasto con le due tonalità di colore scelte per creare la sfoglia bicolore ricamata, in una ciotola versiamo la semola, il succo della barbabietola e il sale, in un’altra la semola e l’acqua. Amalgamiamo bene i due impasti sino a renderli omogenei, lisci ed elastici. Mettiamoli a riposare chiusi in due bustine per alimenti in un posto fresco ed asciutto. Stendiamo le sfoglie, ricamiamole, mettiamo il ripieno e molto delicatamente chiudiamo, decoriamo e facciamo riposare un pochino prima di cucinarli. In una grande pentola a bordo alto con abbondante acqua salata e bollente, versiamo i ravioli, facciamo cuocere per 3 minuti da quando saranno saliti a galla, scoliamo. Versiamo un cucchiaio della crema di formaggio nel centro piatto, adagiamo sopra i ravioli, decoriamo con alcuni  petali di barbabietola essiccata, a piacere delle scaglie di pecorino, serviamo.    

Vedi anche

Racorbarino Verde_di Elisabeth Wibel

Questa ricetta ha partecipato al primo step che mi portò a partecipare alla 4°edizione del …