Come folgore che segue al tuono_di Michele Licheri

Non so dove sei

o che fai

dove il volo ti porti

so che resterai

in me

e in tutta quella masnada di additati

che tu hai saputo unire

sotto un vessillo bicolore

che sa di vento e sale

di cielo e terra

e di orizzonti sconfinati

dove si arrossa la speranza

in rotta verso l’impossibile

“mito e uomo” sei stato

mai una parola di troppo

e poi perché mai sprecarle le parole

che hanno un peso

bastano già quelli delle réclams

a banalizzarle a manipolarle

scientemente

al contrario di te

mai domo

mai prono

libero

sotto una coltre di fumo

che un poco annebbiava il tuo sorriso

e mi vien da pensare alla – epocale –

nostra gran confusione

dove la vanità si è sovrapposta alla lealtà

nell’assurda e diabolica svendita della coerenza

che baratta il tempo e confonde la bellezza

Tu invece sarai e resterai per sempre

– come disse quel tale – un “hombre vertical”

voglio pensarti kosmiko

– silenzioso ricordo –

luminosa

lucente luce

come folgore che segue al tuono

in bonu mundu sias

Vedi anche

La Scala del calcio si illumina di rossoblù, con la spinta del popolo sardo sugli spalti_di Fabio Salis

Passione, identità e senso di appartenenza. Nella calda notte milanese il connubio tra i giocatori …