Le tante volte con Gian Franco Anedda_di Edoardo Usai

Incontrai Gian Franco cinquanta anni fa. O meglio, incontrai l’avv. Gian Franco Anedda.Io appena iscritto all’albo dei praticanti procuratori legali, lui già affermato avvocato.Io giovanissimo consigliere comunale di Selargius, lui consigliere regionale.I giovani missini, allora, sapevano tutto, o quasi, su Mussolini, il fascismo e la RSI. Sapevano molto meno come si leggesse il bilancio di un comune. Mi rivolsi all’avvocato Anedda per avere suggerimenti, opinioni idee sul bilancio del comune  di Selargius. Alla fine del mio intervento mi fecero i complimenti. Gran parte del merito non era il mio. E poi andammo avanti. Assieme. Io consigliere comunale a Cagliari, lui consigliere regionale. Amicizia personale e politica. E poi, ovviamente, qualche litigio. Sarà stato il 1976, la sede del partito era in via Dante. Ritenevo, sbagliando, di essere stato penalizzato nella formazione della lista per il congresso nazionale. Aspettai Gian Franco (anche se era ancora l’avv. Anedda) in via Dante sotto la sede del partito. Litigammo malamente. Mi lanciò un fascicolo addosso. Due giorni “avevamo fatto la pace”. Poi riunioni,manifestazioni (allora se ne facevano tante), visite alle sezioni, vita di partito, si diceva allora. Nel 1989, l’avv. Gianfranco Anedda  era diventato Gian Franco e decise di non ricandidarsi più  al Consiglio Regionale. Si raffreddarono un po’ i suoi rapporti con il Partito. Il MSI viaggiava su percentuali basse, poco superiori al 3% e il grande leader Alfredo Pazzaglia decise di non ricandidarsi. Bisognava sostituirlo. Chiamai Gian Franco, all’epoca ero segretario provinciale del MSI, per proporgli la candidatura alla Camera. Mi fece una sonora risata e mi disse che non se ne parlava manco per idea. Due mesi dopo era Deputato. Poi la intuizione di indicare Mariano Delogu quale sindaco di Cagliari. E poi la barra dritta sul buon governo, quello vero e disinteressato. Mi aveva chiamato una ventina di giorni fa. Abbiamo chiacchierato  a lungo sul governo e sulla politica in generale. Abbiamo convenuto su una cosa. Questa non è  la nostra politica e non ci appartiene!

Vedi anche

L’avvocato Gino Emanuele Melis è pronto:”Mio amato Karate, ora torniamo sul tatami” _di Luca Neri

Parola d’ordine ripartire, scrollarsi di dosso un periodo troppo brutto per essere vero, e rialzare …