Le stellitos_di Elisabeth Wibel

Questi piccoli ravioli fanno parte di un’attenta collezione di pasta fresca artigianale creata per i più piccini.  Accurati gli ingredienti del ripieno, oggi utilizzo la sogliola dal sapore delicato e particolarmente indicata per la dieta dei bambini.

                 (per cinque persone)

                    Ingredienti per l’impasto:

  • 200 g Semola integrale rimacinata a pietra linea Trigu de Oro, Sardo Sole
  • 90 ml. succo di rapa rossa
  • q.b. sale fino

                              Ingredienti per il ripieno e condimento:

  • 4 patate di media grandezza
  • 2 sogliole di taglia media freschissime
  • 6 carote di media grandezza
  • q.b. pomodori rossi freschi e maturi
  • q.b. formaggio grana semi stagionato grattugiato
  • 250 ml. panna fresca da cucina
  • q.b. latte fresco scremato
  • q.b. foglie di timo fresco
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • q.b. sale fino

Procedimento:  Mettiamo a bollire in una capiente pentola a bordo alto le patate con la buccia e il sale per circa una mezzoretta. Laviamo le sogliole, puliamole, mettiamole sopra un foglio di carta da forno con pomodorini, timo fresco, un filo di olio extravergine di oliva e un pizzico di sale. Sistemiamole con cura e chiudiamo il cartoccio, mettiamo la teglia in forno ventilato preriscaldato a 180° per 15/20 minuti. Pronte le patate vanno pelate e schiacciate con il passapatate ancora calde. Pronte le sogliole le sfilettiamo, declassiamo e restringiamo il brodo di cottura insieme alle fibre della carota. (il succo della carota lo utilizziamo per colorare la pasta). Prendiamo una ciotola in vetro e ci mettiamo le patate, la sogliola, il brodo declassato e il formaggio grattugiato, amalgamiamo con cura tutti gli ingredienti e mettiamo a riposare. Per il condimento versiamo la panna fresca da cucina e una carota in un pentolino, portiamo a bollore, con un frullatore ad immersione frulliamo tutto, versiamo un pochino di latte scremato caldo e solo poco prima di servire del formaggio grattugiato. Mettiamo la semola all’interno di una ciotola con il succo della carota ( con l’utilizzo dell’estrattore abbiamo prodotto, sia il succo che le fibre della carota ) e un pizzico di sale. Amalgamiamo all’interno della ciotola tutti gli ingredienti per circa dieci minuti. Togliamo l’impasto e lavoriamolo sul piano di lavoro fino a rendere l’impasto bello liscio, elastico e vellutato. Mettiamolo a riposare chiuso all’interno di un sacchetto per alimenti in un posto fresco e asciutto per una mezzoretta. Stendiamo le sfoglie sottili e con un coppa pasta dalla forma di stella, una noce di ripieno, chiudiamo, decoriamo e smerliamo. Mettiamo sul fuoco la pentola per far bollire i raviolini in abbondante acqua salata, appena salgono in superfice, gli diamo un minuto di cottura e scoliamo. Prepariamo i piatti, un bel mestolo di crema calda al centro del piatto, disponiamo i raviolini sul piatto, dei petali di carota a forma di stellina ( a piacere una spolverata di scaglie di formaggio ), serviamo.

Vedi anche

Pasca de Nadale_di Elisabeth Wibel

Ravioli ripieni con formaggio pecorino e broccolo romano con una sfoglia bicolore ricamata e smerlata. …