Il web marketing come strumento a disposizione gratuita delle Pubbliche Amministrazioni per rilanciare il turismo: il progetto dell’agenzia Marketing01_di Fabio Salis

A partire dal prossimo 3 giugno sarà nuovamente possibile spostarsi liberamente tra gli Stati Europei e tra le varie Regioni, anche per ragioni che non derivino da comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o particolari necessità. In attesa di maggiori delucidazioni su quelli che saranno i dettagli del protocollo sanitario, gli operatori del comparto turistico fanno riferimento a questa data per cercare di ridare lo slancio ad uno dei settori che è stato fra quelli maggiormente colpiti dal lockdown e che nei mesi di marzo, aprile e maggio è rimasto fermo al palo. La speranza degli imprenditori e di tutti coloro che lavorano nell’ambito del turismo è quella di rivedere un buon flusso di turisti nelle città e nei paesi, in modo che hotel, bed and breakfast, bar, ristoranti, stabilimenti balneari, agenzie di viaggi e negozi possano tornare a respirare dopo l’ultimo periodo di grandi difficoltà. All’interno di questo scenario di forte crisi, il settore del web marketing risulta ancora più come uno strumento vitale per la promozione sia delle attività commerciali che del territorio della Sardegna, il quale è ricco di tesori di inestimabile valore sia dal punto di vista naturalistico che culturale e che molto spesso purtroppo non vengono valorizzati al meglio in termini di marketing e comunicazione, anche perché non tutte le Amministrazioni Pubbliche locali possiedono gli strumenti e le conoscenze necessarie per contribuire a creare valore.

Si stima che circa 4,8 milioni di italiani cerchino ogni mese una meta on-line. Nell’ultimo decennio il web è diventato il primo strumento di ricerca per i vacanzieri e, prima che scoppiasse la pandemia covid-19, le stime hanno affermato che il mercato turistico digitale supererà i 9 miliardi di dollari nel 2021.

L’agenzia Marketing01 fa parte dei migliori 30 Google Premier Partner del mondo e si è fatta promotrice di una cordata di aziende e professionisti che metteranno gratuitamente a disposizione delle Regioni le proprie competenze. Prossimamente si svolgeranno i primi incontri di formazione con la Sardegna e la Puglia, le prime Regioni italiane ad aver dato la propria disponibilità.

Il CEO dell’agenzia, Paolo Bomparola, ha dichiarato a proposito del progetto: “l’emergenza da covid19 ha messo il turismo in ginocchio. Abbiamo più di 2.000 clienti in Italia tra strutture ricettive, agenzie viaggi, autonoleggi e altro che in questo momento stanno soffrendo profondamente, e sappiamo bene che anche a livello delle Pubbliche Amministrazioni Locali la situazione è la medesima. Noi, come Marketing01, abbiamo un background di esperienza che ci permetterebbe di intervenire nel migliore dei modi, con azioni di marketing e campagne pubblicitarie, che potrebbero aiutare l’intero comparto. Per questo motivo abbiamo deciso di metterci a disposizione delle varie Regioni a titolo gratuito, invitando colleghi e agenzie del settore ad unirsi a noi. Bisogna agire in fretta, giocando d’anticipo, preparando da subito un terreno fertile da cui far rinascere i germogli di una brillante ripresa turistica. Costruire un piano marketing efficace richiede tempo e per ottenere i migliori risultati già a partire dalla prossima stagione estiva, si dovrà necessariamente avviare la produzione il prima possibile.

Questo programma fa seguito ad un altro portato avanti negli ultimi mesi in cui l’azienda si era offerta di realizzare gratuitamente mini siti e-commerce per tutti i ristoranti che ne avessero fatto richiesta, in modo che i clienti possano leggere il menù, effettuare gli ordini e pagare on-line, visto che il delivery e l’asporto sono diventati l’unica fonte di guadagno. Il sito resterà gratuito fino al termine dell’emergenza Coronavirus, poi i ristoratori valuteranno se proseguire con il servizio a pagamento oppure chiuderlo.

Marketing01 è un’agenzia tutta italiana ed è la più grande a livello europeo per numero di account Google Ads del comparto travel. Dal 2008 opera nel settore della formazione, della consulenza e dei servizi di web marketing e si avvale di un gruppo composto dai reparti di marketing operativo, di sviluppo e assistenza tecnica, amministrazione, organizzazione eventi, assistenza clienti e pubbliche relazioni, con sedi a Perugia e Senigallia. Il team è formato da esperti Google Ads, web master, pubblicitari, grafici e programmatori.

Nel corso degli anni, l’agenzia si è specializzata nell’offrire dei risultati in termini di visibilità e prenotazioni alle aziende del settore turistico, conquistando la fiducia di centinaia di strutture ricettive, hotel, agriturismi e relais di tutta Italia. Inoltre può vantare il più grande centro clienti AdWords registrato nel nostro paese per quanto riguarda il settore turistico.

La piattaforma di Google Analytics permette di andare ad analizzare l’andamento del proprio sito web, di scoprire il percorso dell’utente nella sua ricerca e di conseguenza i canali attraverso i quali raggiungono il sito, monitorando gli obiettivi della propria attività. Studiare questi numeri aiuta a pubblicizzare o rendere visibile in maniera mirata un singolo prodotto o servizio su Google Ads. Il concetto chiave del marketing è che il sito non dev’essere soltanto una vetrina, ma deve diventare uno strumento indispensabile per comunicare e costruire nuove relazioni con i clienti

Paolo Bomparola ha evidenziato in questo suo intervento tutte le potenzialità inespresse nel digitale all’interno del settore turistico in Italia: “si dice spesso che il turismo potrebbe essere la grande ricchezza italiana, ma poi concretamente viene fatto ben poco per aiutare davvero le imprese del settore. Basti pensare che il 25% delle imprese del comparto addirittura non ha nemmeno un sito internet. Ed altrettante ne hanno uno obsoleto. Il digitale è una grande sfida ed una grande opportunità che purtroppo in Italia è poco sfruttata: molte aziende del settore sono di piccole o medie dimensioni, gestite da straordinari professionisti che però non hanno particolari competenze in materia. Il rischio non è solo che non si sfruttino le opportunità, ma che il nostro turismo sia in qualche modo “impoverito”, costretto a subire la concorrenza, oppure a sottostare alle condizioni spesso sfavorevoli dei big “aggregatori di offerta” stranieri, da Expedia a Booking. In questi anni abbiamo dimostrato invece che, attraverso una strategia efficace di Web Marketing, le strutture del turismo possono crescere significativamente, ottenendo visibilità ed aumentando le prenotazioni dirette, senza intermediari.”

Vedi anche

La danza che unisce e solidarizza_di Elisabetta Mocci

Al giorno d’oggi è difficile trovare delle persone che riescono a farti innamorare dell’incredibile mondo …