Dalia Kaddari, campionessa italiana assoluta nei 200 metri di atletica. Orgoglio di Sardegna_di Fabio Salis

L’ambizione di crescere e di migliorarsi giorno dopo giorno, attraverso il lavoro quotidiano e il sacrificio. Questo è lo spirito che accompagna un vero atleta e Dalia Kaddari ha dimostrato ancora una volta che il suo percorso di crescita sta prendendo la giusta direzione: dopo aver trionfato nel febbraio di quest’anno nei 200 metri indoor ai campionati italiani juniores di Ancona, domenica pomeriggio l’atleta quartese ha scritto una pagina nella storia dell’atletica sarda e anche di quella italiana, conquistando il titolo di campionessa italiana assoluta nei 200 metri piani con il tempo di 23”30 allo Stadio Colbachini di Padova. In volata, l’atleta delle Fiamme Oro Padova, classe 2001, ha sconfitto Irene Siragusa (Esercito) e Gloria Hooper (Carabinieri) che hanno fatto rispettivamente 23”39 e 23”57 ed è arrivata a soli 5 centesimi dal record italiano di categoria stabilito nel 2002 da Vincenza Calì. L’ottimo tempo fatto registrare in gara assume un valore ancora più elevato per il fatto che il vento in pista fosse praticamente nullo (0,1). Durante le batterie la Kaddari aveva ottenuto un 23”61 con 1,2 di vento a favore.
Recentemente protagonista anche come testimonial d’eccezione nella presentazione delle nuove maglie Adidas del Cagliari Calcio, Dalia ha raccontato ai nostri microfoni la propria gioia per la vittoria conseguita: “sono felicissima perché si tratta di un titolo assoluto e quindi fa un certo effetto. In gara c’era Irene Siragusa, reduce dal secondo posto nei 100 metri del giorno prima e ci teneva a fare doppietta con un buon risultato nei 200. Nelle ultime settimane mi sono allenata bene e mi sento in forma, quindi mi aspettavo di riuscire a correre forte in questa gara. In questi mesi mi sono allenata al campo Coni a Cagliari e anche a Quartu nel campo della Tespiense Quartu di Via S’Arrulloni, dove ho ripreso ad allenarmi da fine maggio. Dopo la vittoria mi sono arrivati tantissimi messaggi con le congratulazioni. Nei prossimi mesi prenderò parte sicuramente ad altre gare.”

Vedi anche

I Vigili del Fuoco: l’eroismo nella normalità di chi ogni giorno rischia la propria vita per gli altri_di Fabio Salis

“Salviam la vita agli altri, il resto conta poco. Portiamo il soccorso a chi ci …