Cagliari Calcio: tutto in cento anni

Nipoti dello scudetto, ereditieri di un sogno. Noi millennials_di Luca Neri

12 aprile 1970. Ci sono date che ci si sarebbe aspettati non raccontare nulla, ma intersecate con eventi raccontati, e che non ci si sarebbe aspettati, assumono peso, trascinano nostalgie, invertono clessidre.  Leggiuno. Esistono luoghi mai visitati che sono un po’ casa, città betlemmizzate da un popolo che la stella …

Approfondisci

…venne Arrica alla Compagnia Atleti dell’Esercito: “ho comprato un fenomeno!”_di Vanni Loriga

Su Luigi Gigi Riva potrei scrivere un libro ma mi limiterò ai mei ricordi personali che non sempre coincidono con le biograie ufficiali di colui che fu definito dal Maestro Gianni Brera “rombo di tuono”. Ed al proposito mi sembra doveroso ricordare che la definizione risale a Grazia Deledda che …

Approfondisci

12 Aprile 1970 Stadio Amsicora: lo scudetto e il calzettone di Gigi Riva_di Pietro Porcella

Era una Domenica mattina di primavera, con l’aria frizzantina quando uscii da casa mia in Via Cagna 11. Eran le 9 del mattino ed ero gia’ vestito per la messa e lo stadio.La vecchia Piazza Amsicora (dal 2016 Piazza Scopigno) era un cul de sac  fra tre stradone, a cento metri …

Approfondisci

L’Italia e Cagliari ai tempi dello scudetto: così spuntò Rovelli_di Paolo Fadda

Andare indietro nel tempo di quarant’anni, sfogliando all’indietro l’album della memoria, è operazione che suscita, insieme, nostalgia e rammarico, per quel che s’è lasciato e per quel che s’è perduto. Chi scrive, non ha mai tenuto un diario, né ha conservato le agende di quegli anni lontani, per cui – …

Approfondisci

Quelle pescate con Gigi Riva_di Giorgio Ariu

Erano i giorni del Cagliari di Gigi Riva. A Cagliari era l’uomo che aggregava più di tutti. Anche fuori dallo stadio. Gianni  Brera, il mitico e inarrivabile cantore del calcio scritto, lo osannava (“trippallico “ ) sul Guerino eppoi indugiava la domenica sera “ Da Bruno” per colossali mangiata e …

Approfondisci